Località di sport invernali ed estivi, Valmeinier è spesso definita moderna, essendo in particolare l'ultima delle località della Maurienne. Le sue origini, tuttavia, risalgono a diversi secoli. Scopri la storia di un villaggio di montagna che stava per scomparire prima di vivere una spettacolare rinascita.

Un villaggio di montagna che vive di agricoltura

Bisogna risalire al XII secolo per trovare una prima traccia scritta del nome di Valmeinier (o “in valle Manerii” all'epoca). Allora era solo un piccolo villaggio che viveva in una quasi autarchia. La popolazione dipendeva dall'agricoltura. Tuttavia, il compito non era facile con un territorio ostile con pendii ripidi. Per trattenere la terra sono stati predisposti dei terrazzamenti per poter coltivare cereali, patate, canapa, vite...

L'impronta religiosa di quest'epoca è visibile sul territorio con la presenza di numerose croci sul territorio oltre che di antiche cappelle. Anche la chiesa del paese ha subito nei secoli numerosi restauri e persino ricostruzioni. Per saperne di più sul patrimonio religioso di Valmeinier, vai al link sottostante.

Lo sviluppo dell'attività mineraria

Dalla fine del 17° secolo fino al 19° secolo, il paese di Valmeinier conobbe una svolta diversificando le sue attività con lo sviluppo dell'attività mineraria. Fu in questo momento in particolare che il suo nome fu trasformato in “Vallis Mineri”. Beneficiando della presenza di ardesia e antracite sul proprio territorio, Valmeinier poté così proseguire il suo cammino.

Tra epidemie come la peste nel 17° secolo, guerre, il saccheggio di Valmeinier da parte della Rivoluzione francese nel 1793 o gli anni di scarso raccolto, il progresso del paese è minato. Tuttavia, nonostante tutti questi alti e bassi incontrati e la complessità dello sviluppo di questo territorio montano, la crescita demografica continuò e arrivò a sfiorare gli 850 abitanti nel 1848.

Esodo rurale e declino

Mentre Valmeinier sta vivendo un forte sviluppo, l'industrializzazione ha raggiunto la valle e sta rallentando questo progresso. Le attività cambiano e sempre più Valmineux diventano lavoratori nelle fabbriche vicine.

Da bi-attivi per alcuni anni (fabbrica o miniera e lavoro nei campi), gli uomini diventano operai e lasciano le montagne per stabilirsi al loro posto di lavoro in fondovalle. Per quasi un secolo il numero degli abitanti stabili ha continuato a precipitare e si è avvicinato alla cinquantina nel 1971 con la chiusura dell'ultima delle sue cinque scuole nel 1972. L'attività agricola non era più sufficiente a sostenere il paese.

Sviluppo turistico

Di fronte a questa situazione che diventava critica con il rischio di veder scomparire il paese, nel 1971 fu avviato un nuovo progetto con l'obiettivo di puntare sullo sviluppo turistico della zona attraverso la creazione di una stazione di sport invernali. Ispirati dall'arrivo di un nuovo comune, gli abitanti si sentono interessati e partecipano attivamente alla riqualificazione del loro comune.

Il settore Crey du Quart è attrezzato per primo per avere un collegamento con la vicina località di Valloire. Inizialmente, il progetto è rivolto al villaggio a un'altitudine di 1500 m. Le piste sono addomesticate per fare tracce. Le vecchie scuole nelle varie frazioni sono state trasformate in gîtes.

Durante lo sviluppo della stazione, i funzionari eletti hanno avuto la volontà di integrare meglio le costruzioni nell'ambiente. La priorità è stata data agli edifici bassi con tetti sfalsati e al crescente utilizzo negli anni di pietra, legno e persino lauzes. Ciò ha notevolmente contribuito al fascino attuale della località che si è integrata nel suo territorio.

Si è conservata anche la parte storica del paese con case in pietra con tetti in ardesia separate da piccoli vicoli d'epoca. Ti consigliamo anche di andarci a fare una passeggiata, per maggiori informazioni non esitare a visitare il link sottostante.

Lancio della stazione

Dopo questo lungo lavoro, il calcio d'inizio fu dato nel gennaio 1974 con la messa in servizio di una seggiovia e due skilift. Il capoluogo è stato dotato tra il 1984 e il 1986 di due centri di villeggiatura, condomini, locali commerciali, una nuova scuola, un transval per collegare i due versanti della valle, la seggiovia Roi.

Nel 1986 inizia la 3° fase di sviluppo turistico di Valmeinier. Vengono costruiti una strada, impianti di risalita e i primi alloggi nel 1800 (Auberge du Grand Fourchon, Aquarius Club Med, Les Carrettes ecc…). Valmeinier 1800 sta quindi diventando gradualmente il centro del resort con nuove attrezzature. Le sue capacità di accoglienza sono state migliorate con le residenze Pierre et Vacances, Odalys, Espace 2, ecc.

Un popolare resort per famiglie

Da allora Valmeinier ha continuato il suo sviluppo con ampliamenti progressivi. Il centro della località è oggi il punto centrale con la presenza di un ampio fronte innevato e di numerosi negozi. Nel 1900 fu costruita anche una stazione superiore con altri alloggi e negozi. Senza dimenticare il rilancio del borgo del 1500 che ebbe un grande successo vista la decadenza che subì negli anni '70.

Il comprensorio sciistico Galibier Thabor condiviso con Valloire è riconosciuto nelle Alpi con quasi 160 km di piste. Da dicembre 2019 Valmeinier ha addirittura il punto più alto della zona con l'inaugurazione della seggiovia Sandonière (2750 m). Perfettamente radicato nella Maurienne, Valmeinier tende a continuare su questa buona dinamica. Beneficiando di una forte attrazione turistica sia in inverno che in estate, i visitatori hanno il piacere di venire a ricaricare le batterie in montagna.

Alcune informazioni su Valmeinier

• Storicamente il primo nome del paese risale al XII secolo e si presentava come “in valle Manerii” , riferito alla valle di un certo Mainier. Successivamente, il nome viene ad evolversi, divenire "Varmeni" poi nel 1546 “Valmeynier” ou "Varmigner" Nel 17° secolo. Nel 1677, il nome di “Vallis Mineri” primavera, mettendo sicuramente in evidenza le miniere sfruttate nelle montagne circostanti. Questo nome ha da tempo suggerito che Valmeinier significasse la valle delle miniere. Tuttavia, possiamo quindi notare che in origine il nome del paese non aveva alcun legame con le miniere.

• I suoi abitanti sono chiamati Valmineux e Valmineuses.

• Nel 2019 la città contava 566 abitanti permanenti.

• La capacità ricettiva del resort è stimata in 10 posti letto turistici.

Germaine Muggine

Libro da scoprire: "Valmeinier da ieri ad oggi"
In vendita nelle tabaccherie locali o su ordinazione restituendoci il pagamento
(28€ + 4€ spese di spedizione), da spedire a:

Associazione Patrimonio
Municipio di Valmeinier
73450 Valmeinier

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto